Test barriere antierosione Università di Padova

UNIVERSITÀ DI PADOVA
STUDIO SU MODELLO FISICO 2D SULLA TRASMISSIONE E STABILITÀ
DEL NUOVO SISTEMA ANTIEROSIONE CON BARRIERA SOMMERSA

Lo studio ha avuto la finalità di:

  • verificare, per la mareggiate che determinano la morfologia del litorale, la capacità del sistema di dissipare (o riflettere) l’energia delle onde e dunque di proteggere la spiaggia retrostante;
  • verificare, in condizioni estreme, la stabilità del complesso e la variazione del fondo a fine prova in prossimità dell’opera (eventuale erosione al piede o accumulo).
  • Sono state pertanto eseguite due serie di prove sperimentali, una su fondo fisso, una su fondo mobile (sabbia) utilizzando un modello in scala geometrica 1:12,  appesantito alla base secondo le indicazioni fornite.
  • Sono state identificate ed analizzate diverse condizioni di agitazione ondosa irregolare e tre condizioni di livello di marea.
  • Come da programma delle prove, il modello è stato analizzato in due diverse configurazioni, ovvero con un numero di alette impilate in verticale pari a 6 ed a 7.

Cincopa WordPress plugin

Efficienza
Le due strutture a 6 e 7 alette sovrapposte non hanno avuto risposte molto dissimili tra loro.
L’efficacia della struttura sotto l’azione di una mareggiata intensa, con H=2 m e T=6 s, (responsabile del trasporto dei sedimenti) è tale per cui si riscontra una apprezzabile diminuzione dell’altezza dell’onda trasmessa (essendo kt dell’ordine del 70%) in caso di bassa marea, mentre tale riduzione è notevolmente inferiore (essendo kt dell’ordine del 90%), in caso di alta marea.
Se ci si riferisce al trasporto solido, così come all’energia dell’onda, essendo tali grandezze funzione dell’altezza d’onda elevata al quadrato, si ottengano risultati più palesi. Infatti, allorché si verifica una trasmissione pari al 70%, ciò equivale al dimezzamento del trasporto solido (e dell’energia dell’onda trasmessa oltre all’opera), mentre una trasmissione pari al 90% equivale ad una riduzione del trasporto solido (e dell’energia ondosa) del 20%.

Stabilità.
Le prove eseguite hanno evidenziato che la struttura, per le mareggiate estreme, è al limite della stabilità, manifestando leggere rotazioni al termine di mareggiate eccezionalmente lunghe.

Barriera antierosione WMesh